Il piano perineale

Il pavimento pelvico è un insieme di fasci muscolari che cinge in basso la pelvi,

delimitando, insieme al diaframma respiratorio, lo spazio addominale: ha un suo tono di base

in grado di tenere i visceri in sede, ma è anche capace di una contrazione che rafforza

la continenza aumentando la pressione di chiusura dell’uretra , della vagina e del retto.

Questa struttura nella donna circonda i tre orifizi (uretra, vagina e ano) ed è, quindi,

anche un luogo che consente il passaggio verso l’esterno.

Esso si trova in una zona collegata a molteplici funzioni culturalmente considerate nascoste, intime e segrete come la minzione, la defecazione, la sessualità e la nascita. É l’area corporea in cui la donna legge ed osserva i cambiamenti che avvengono nella sua vita, diventando elementi importanti per la costruzione della sua identità femminile.

Durante la gestazione, inoltre, contiene e racchiude la gravidanza, finché nel momento del parto, si lascia distendere aprendosi e consentendo al bambino di nascere.

Possiede, quindi, una doppia funzione: quella di contenere e quella di lasciare andare. Infine, il muscolo perineale è sede delle emozioni della donna legate al piacere e al benessere psicofisico, ma anche alle paure e alle esperienze vissute negativamente: possiede una memoria ed è in grado di raccontare la storia personale che ogni donna ha vissuto.

Il piano perineale feminile e il suo recupero funzionale nel dopo parto